Gestione e promozione delle attività di sensibilizzazione della società civile

Promozione della partecipazione della comunità sociale ai processi di risocializzazione delle persone sottoposte a sanzioni penali

Promozione e realizzazione di assistenza sociosanitaria ai detenuti ed opportunità lavorative

ORIENTAMENTO DEL DAP CENTRALE IN MERITO ALLE CONVERSAZIONI TELEFONICHE DEI DETENUTI CON I  DIFENSORI.

Negli istituti penitenziari  non si registra un’uniforme applicazione  del regime dei colloqui telefonici con i difensori. Si tende, per lo più, a considerarli   nel contesto dei limiti numerici previsti dal comma 2 dell’art. 39 del DPR 30 giugno 2000, n. 230.
Una recente lettera circolare del DAP 0177644 del 20 aprile 2010 ( Nuovi interventi per ridurre il disagio derivante dalla condizione di privazione della libertà e per prevenire i fenomeni autoaggressivi ) esprime l’orientamento a far rientrare le conversazioni telefoniche dei detenuti con difensore   nella previsione del punto a) del comma 3 dell’art. articolo 39 : motivi di urgenza o di particolare rilevanza,  che derogano dai limiti numerici prefissati.
Rimane nelle prerogative del direttore dell’istituto la facoltà di autorizzazione.