Gestione e promozione delle attività di sensibilizzazione della società civile

Promozione della partecipazione della comunità sociale ai processi di risocializzazione delle persone sottoposte a sanzioni penali

Promozione e realizzazione di assistenza sociosanitaria ai detenuti ed opportunità lavorative

PROROGA DEL TRATTENIMENTO PRESSO IL CIE SOLO NEL RISPETTO DEL DIRITTO DI DIFESA

Accogliendo il ricorso avverso il decreto con il quale il Giudice di pace aveva prorogato di trenta giorni il trattenimento dello straniero nel CIE, la S.C. di Cassazione, Sezione prima, con ordinanza 4 marzo - 7 settembre 2010, n. 19183, Presidente Salmè, Relatore Schirò, ha osservato che "il decreto di proroga del trattenimento dello straniero presso il centro di permanenza, costituendo un provvedimento che incide sulla libertà personale del destinatario (Cass. 2001/15203), deve essere adottato nel rispetto delle garanzie di difesa e del principio del contraddittorio; La sentenza conferma quanto già affermato con la sentenza Cass. I^ sez. civ. 4544 del 24 febbraio 2010.