Gestione e promozione delle attività di sensibilizzazione della società civile

Promozione della partecipazione della comunità sociale ai processi di risocializzazione delle persone sottoposte a sanzioni penali

Promozione e realizzazione di assistenza sociosanitaria ai detenuti ed opportunità lavorative

Campagna 'Stop Opg' per la chiusura degli Ospedali psichiatrici giudiziari


Fonte: Italia News 19/04/2011
(IAMM) Si è tenuta questa mattina la conferenza stampa per il lancio della campagna 'Stop Opg: per l'abolizione degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari'. Si tratta di una campagna organizzata dalle associazioni Forum Salute Mentale, Forum per il diritto alla Salute in Carcere, CGIL nazionale, FP CGIL nazionale, Antigone, Centro Basaglia (AR), Conferenza permanente per la salute mentale nel mondo F. Basaglia, Associazione 'A buon diritto', Fondazione Franco e Franca Basaglia, Forum Droghe, Psichiatria Democratica, UNASAM, Società della Ragione, SOS Sanità, Coordinamento Garanti territoriali diritti dei detenuti, Cittadinanzattiva, Gruppo Abele, Gruppo Solidarietà, CNCA, Fondazione Zancan, con l'obiettivo di dimettere le 350 persone internate nelle sei strutture esistenti in Italia.
PUBBLICITA'
"Gli OPG - si legge nell'appello del comitato - rappresentano un vero e proprio oltraggio alla coscienza civile del nostro Paese, per le condizioni aberranti in cui versano 1.500 nostri concittadini, 350 dei quali potrebbero uscirne fin da ora". La persistenza dell'Ospedale Psichiatrico Giudiziario "è frutto di obsolete concezioni della malattia mentale e del sapere psichiatrico, ma soprattutto di una catena di pratiche omissive, mancate assunzioni di responsabilità e inappropriati comportamenti a differenti livelli". Le terribili condizioni degli internati negli Opg sono state recentemente documentate in un video presentato diffuso dalla Commissione d'inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del Ssn, presieduta da Ignazio Marino. "La cosa più preoccupante - afferma Stefano Cecconi, della CGIL nazionale - è che dal 2008, anno nel quale è stato emanato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri (Dpcm) che dispone la presa in carico degli internati negli Opg da parte dei Dipartimenti di salute mentale, il numero di pazienti in queste strutture è aumentato di circa 150 unità, invece di diminuire".